1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale
  3. Menu di Sezione
Stemma Comune di Jesolo
 

Contenuto della pagina

JESOLO SAND NATIVITY

Una storia lunga 20 anni

 
Jesolo sand nativity
 

JESOLO SAND NATIVITY 2021-2022

La 19^ edizione di Jesolo Sand Nativity viene inaugurata mercoledì 8 dicembre 2021 alle ore 16.00 in Piazza Trieste.

I migliori scultori di sabbia del mondo si ritrovano per dare vita ad un presepe di sabbia dal tema "I miracoli di Gesù", creando un'affasciante atmosfera emozionale e spirituale. 

Il presepe è visitabile dal 9 dicembre 2021 al 6 febbraio 2022.

Per scoprire gli scultori e le opere di questa edizione, orari e modalità di ingresso vai alla pagina dedicata: 

 
 

LA STORIA

Servono solo tre parole per spiegare il Sand Nativity e catturare la sua essenza: bellezza, solidarietà e cultura. Tre parole che racchiudono il concetto di un evento artistico culturale che dura nel tempo e coinvolge la nostra città.

Jesolo Sand Nativity nasce nel 2002, prima edizione successiva alla manifestazione estiva del Festival Internazionale delle Sculture di Sabbia.

I progressi e le migliorie sono state molte. Inizialmente le prime edizioni erano allo scoperto per poi successivamente passare ad una struttura coperta.

Il tema principale che collega tutte le edizioni del Sand Nativity è la Natività. Gli scultori riescono a raccontare mediante una scultura di sabbia la nascita di Cristo.
La sabbia, un materiale così semplice e naturale che, grazie alle mani magiche ed esperte dei più grandi scultori a livello mondiale tra cui Richard Varano, il direttore artistico del Sand Nativity, diventa arte.
Tutti gli artisti creano queste spettacolari opere per donarle a chi le guarda, per far suscitare emozioni e per coinvolgere.

Molte sono state le rappresentazioni realizzate come il Vangelo, le storie della Bibbia, il tema dei rifugiati, la misericordia, le Beatitudini.

 
 

LA SABBIA

La sabbia sembra uguale ovunque, in realtà essa si presenta sotto forme estremamente diverse e la sua provenienza ne determina la possibilità di utilizzo.

La sabbia può essere di origine organica o minerale. I granelli di sabbia organica sono costituiti da minuscole particelle di corallo, crostacei e fossili. Questo tipo si trova soprattutto in prossimità delle acque salate.
La sabbia minerale, che deriva dalla roccia, è composta da piccoli pezzi di minerali ed altre pietre provenienti da regioni montagnose, ad esempio le Alpi.
Queste differenze possono essere facilmente visibili al microscopio.

La sabbia di Jesolo è di origine dolomitica e l'uniformità granulometrica la rende più difficile da lavorare di altre qualità. Per questo gli artisti di Jesolo sono ancora più bravi!

 
 
 

LA SOLIDARIETÀ

Il Sand Nativity ha sposato negli anni anche importanti iniziative di solidarietà. Durante tutte queste edizioni sono stati raccolti dei fondi attraverso donazioni libere dei visitatori per finanziare dei progetti e delle missioni in tutto il mondo.

All’esterno di ogni mostra era presente una piantina del mondo dove, attraverso dei puntini, venivano indicati i paesi che hanno beneficiato dei sostegni.

I progetti finanziati dal 2004 ad oggi sono stati molti e han riguardato più di 40 paesi del mondo raccogliendo oltre 700 mila euro toccando sia realtà all'estero che locali.
Tra i progetti mondiali possiamo ricordare la costruzione di un centro di accoglienza per gli orfani dello tsunami in Thailandia e dei pozzi d’acqua in Uganda, l'edificazione di un asilo in Guinea e di una scuola in Congo, la costruzione di un ponte tibetano in Honduras e molti altri.

Progetti finanziati:

 
 
 
 

PORTATORI DI PACE

Altro importante segno che ha lasciato il Sand Nativity è stato quello di donare una scultura di sabbia ai “portatori di pace”, personaggi importanti in tutto il mondo per la loro capacità di diffondere la pace e la conciliazione tra i popoli.
Tra le sculture realizzate possiamo ricordare papa Giovanni Paolo II, Mahatma Gandhi, Madre Teresa di Calcutta, Papa Giovanni XXIII, Nelson Mandela, Sir Robert Baden-Powell, Papa Giovanni Paolo I, San Francesco D’Assisi, Don Giovanni Bosco, Papa Francesco.

 
 
 

ESPERIENZA TELEVISIVA A "UNO MATTINA" SU RAI 1

Grazie alla grande affluenza del pubblico il Sand Nativity ha riscosso molti successi anche a livello televisivo. Molti media, attraverso servizi giornalistici, ne han parlato.
Il clamore per questa splendida manifestazione l'ha portata a partecipare anche al programma “Uno Mattina” su Rai 1 nel dicembre 2010 con lo scultore olandese Lars Borst e alcuni rappresentanti del Comune che han promosso un’opera scultorea, realizzata dall’artista, rappresentante la Natività.

 
 
 

JESOLO SAND NATIVITY A ROMA 2018

Dalla prima edizione nel 2002 siamo arrivati 16 anni dopo (nel 2018) a far approdare il Sand Nativity da Jesolo alla bellissima Piazza San Pietro a Roma, abbracciata dai colonnati del Bernini.
700 tonnellate di sabbia furono trasportate da Jesolo a Roma. Una squadra di professionisti, tra progettisti, manager, personale della Jesolo Patrimonio, è stata attivata per avviare questa macchina organizzativa potentissima che portò il nostro Sand Nativity "al cospetto del mondo".
Diverse fasi nella costruzione e diversi bozzetti han portato alla creazione da parte di 4 scultori di fama internazionale della bellissima scultura rappresentante la famiglia di Nazareth. A guidarli fu ancora una volta il direttore artistico del Sand Nativity Richard Varano e con lui Radovan Zivny, Susanne Ruseler e Ilya Filimontsev.

Nella storia resterà per tutti noi l'immagine di papa Francesco in preghiera davanti alla scultura dello Jesolo Sand Nativity.
Il basso rilievo scolpito sulla sabbia durò poco più di un mese per poi ritornare ad essere minuscoli granelli di sabbia.

Un altro evento straordinario seguì quello del presepe di sabbia in Piazza San Pietro. Il Sand Nativity aveva raggiunto anche il Senato. Lo scultore Ilya Filimonstev scolpì un piccolo presepe in miniatura a Palazzo Madama. Questo piccolo gioiello probabilmente sarà l’unica scultura che non andrà incontro alla demolizione, diventando parte della collezione dei presepi preservati  in Senato.

Alla fine di questo grande evento venne realizzato il docufilmJesolo Sand Nativity 2018 - L’emozione del viaggio a Roma”, proiettato al teatro Vivaldi, per far vedere a tutti i cittadini di Jesolo che non han potuto partecipare a questo evento, la bellezza e la magia di quello che si era riusciti a fare a Roma.

Nel 2019 esce anche il libro"Quando Jesolo sa essere grande. Il presepio al cospetto del mondo" di Giampaolo Rossi nel quale viene raccontata tutto il percorso fatto e tutta la magia del Sand Nativity a Roma.

Io sono una di quelle stelle. Io sono un granello della sabbia” Papa Francesco

 
 
 
 
 
 

JESOLO SAND NATIVITY A MATERA 2019

La grandezza di questo evento non si è fermata qua perché oltre Roma anche Matera ha abbracciato questa manifestazione.
La città capitale Europea della cultura nel dicembre 2019 ha accolto le sculture del Sand Nativity all’interno della mostra Internazionale dei Presepi di sabbia.
Due materiali così semplici come i sassi di Matera e la sabbia di Jesolo si sono legati per creare qualcosa di magico.

 
 
 
 

Jesolo Sand Nativity: alcuni video

 

Photo gallery

 
 

Approfondimenti

 
 

"In spagnolo aspettare si dice “esperar”, perché in fondo aspettare è anche sperare." Anonimo

Aspettando il prossimo Jesolo Sand Nativity!

 
 

Fonte: Ufficio Comunicazione del Comune di Jesolo
e-mail comunicazione@comune.jesolo.ve.it

 

Segui Città di Jesolo:

Comune di Jesolo
via Sant'Antonio 11, 30016 Jesolo (VE) - P.I./C.F. 00608720272
Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0421 359111 - Email: comunicazione@comune.jesolo.ve.it -
PEC: comune.jesolo@legalmail.it