1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
 

Contenuto della pagina

ASSEGNO DI MATERNITÀ

 

contatti

Responsabile Stefania Rossignoli
Referente Stefania Cavalli
Dove rivolgersi U.O. Servizi Sociali
Indirizzo Municipio via S. Antonio 11 (1° piano)
Orario lunedì e venerdì dalle 9 alle 13; martedì e giovedì dalle 15 alle 17.30
Telefono 0421 359179
Fax 0421 359183
E-mail  stefania.cavalli@comune.jesolo.ve.it

 
 

Descrizione del servizio

Si tratta di un beneficio concesso dal Comune di residenza alla madre di ogni nuovo nato che non percepisca un trattamento previdenziale di indennità per la maternità in corso. Viene erogato dall’INPS con accredito su conto corrente bancario o postale intestato alla richiedente, in un’unica soluzione, previa autorizzazione del Comune competente, corrispondente a cinque mensilità (che corrispondono al periodo di astensione obbligatorio dal lavoro secondo la normativa vigente). L’importo complessivo (per cinque mensilità) dell’assegno per i nati nel 2016 è di € 1.694,45 (importo mensile € 338,89).

Torna ad inizio pagina.
 

Requisiti del richiedente

Per avere diritto all’assegno è necessario:

  • Essere residente nel comune di Jesolo al momento della presentazione della domanda.
  • Essere residenti nel territorio dello Stato Italiano al momento della nascita del figlio o ingresso in famiglia per affidamento/adozioni.
  • Essere cittadina italiana o comunitaria.
  • Essere cittadina extracomunitaria in possesso di uno dei seguenti titoli di soggiorno:
  • cittadina titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Anche la cittadina non comunitaria che sia in attesa del rilascio del permesso di soggiorno CE per lungo periodo può presentare, entro sei mesi dalla nascita, la domanda di assegno di maternità allegando la ricevuta comprovante l’avvenuta richiesta del titolo di soggiorno. Tale domanda è tenuta in sospeso dal Comune fino all’esibizione del titolo eventualmente anche oltre il termine dei sei mesi previsto per la presentazione della domanda;
  • cittadina titolare del permesso unico per il lavoro (D.lgs 40/2014) o con autorizzazione al lavoro (o familiare di) ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal D.lgs. 40/2014;
  • cittadina familiare di cittadino italiano/dell’Unione o di cittadini soggiornanti di lungo periodo non avente la cittadinanza di uno stato membro, che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • cittadina rifugiato politico, (o familiare di);
  • cittadina apolide, (o familiare di);
  • cittadina titolare di protezione sussidiaria;
  • cittadina che abbia soggiornato legalmente in almeno due stati membri (o familiare di);
  • cittadina lavoratrice del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia (o familiare di) in base agli accordi Euromediterranei.
  • L’assegno è concesso per le nascite o per i minori che hanno fatto ingresso, con un’età non superiore ai 6 anni, nella famiglia anagrafica in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento (per gli affidamenti e le adozioni internazionali è sufficiente la minore età). Se la richiesta è formulata da soggetto non italiano o comunitario: il figlio che non è nato in Italia o non risulti cittadino di uno stato dell’Unione Europea, deve altresì essere in possesso di valido titolo di soggiorno.
  • NON ricevere per il figlio nato altro trattamento previdenziale (altro trattamento per la maternità) oppure che esso sia inferiore ad € 338,89 (quota differenziale). L’assegno, infatti, non viene concesso alle donne già beneficiarie di trattamento previdenziale di indennità per la maternità in corso salvo il caso in cui l’importo mensile percepito sia inferiore alla cifra mensile di Euro 338,89. In tal caso può essere erogata la differenza.
  • Essere in possesso di attestazione ISEE in corso di validità, nella quale sia presente anche il figlio per il quale viene richiesto l’assegno, con valore inferiore ad € 16.954,95. L’ISEE richiesto è per “prestazioni agevolate rivolte a minorenni o a famiglie con minorenni”.
Torna ad inizio pagina.
 

Modalità di richiesta

La domanda per l’assegno di maternità va inoltrata all’unità organizzativa complessa servizi sociali, giovanili, istruzione e museo del Comune di Jesolo. Deve essere presentata esclusivamente dalla madre che compilerà l’apposito modulo di domanda, entro SEI MESI DALLA DATA DEL PARTO o dall’ingresso del minore nella famiglia (nel caso di adozione o affidamento preadottivo).

Torna ad inizio pagina.
 

Modulistica

 
Torna ad inizio pagina.
 

Documentazione da presentare

Torna ad inizio pagina.
  • Modulo della domanda
  • Attestazione ISEE in corso di validità
  • Permesso di soggiorno per cittadine extracomunitarie e/o dei componenti del nucleo se il caso occorre.
  • Codice IBAN intestato alla richiedente.
  • Fotocopia della carta d’identità della richiedente se la firma non è apposta di fronte all’impiegato addetto.
Torna ad inizio pagina.
 

Scadenza e validità

La domanda deve essere presentata entro sei mesi dalla data di nascita del figlio o dall’ingresso del minore nella famiglia (nel caso di adozione o affidamento preadottivo).

 

Normativa di riferimento

Art.66 della legge 23/12/1998, n. 448 e ss.mm.ii.
d.m. 21/12/2000 n. 452 e ss.mm.
d.m. 25/05/2001, n. 337. d.p.c.m. 05/12/2013, n. 159.
d.lgs. 04/03/2014, n. 40

Torna ad inizio pagina.
 

Link utili

Torna ad inizio pagina.
 

Info su questa scheda

Responsabile aggiornamento: Barbara Masarin
Ultimo aggiornamento: 2 marzo 2016
Ultima Modifica: 11/03/2016

Comune di Jesolo
via Sant'Antonio 11, 30016 Jesolo (VE) - P.I./C.F. 00608720272
Ufficio Relazioni con il Pubblico: 0421 359111 - Fax: 0421 359360 - Email: comunicazione@comune.jesolo.ve.it -
PEC: comune.jesolo@legalmail.it